AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE
OVEST MILANESE

PROTEZIONE GIURIDICA



Ufficio Protezione Giuridica

Responsabile: dr. Giulio Colombo

sede: Parabiago via Spagliardi 19

tel.: 0331/1776-276,277,278,279,274

mail: protezionegiuridica.parabiago@asst-ovestmi.it 

apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì (9,00/12,30 – 14,00/16,00) presso la sede centrale di Parabiago, via Spagliardi n. 19.

Il servizio è gratuito, si consiglia di fissare appuntamento telefonico.


Per gli orari e ubicazioni degli sportelli - cliccare - "SPORTELLI SEDI OSPEDALIERE"

​SPORTELLI SEDI OSPEDALIERE


L'Ufficio Protezione Giuridica: aiuta le persone nella stesura e nella presentazione del ricorso per la nomina di amministratore di sostegno, in seguito

supporta gli interessati nell'attivazione e a svolgere i compiti assegnati dal Giudice Tutelare. Inoltre l' ufficio fornisce informazioni in merito alla nomina

del fiduciario e alle disposizioni anticipate di trattamento - DAT - L.219 del 2017 -


Amministrazione di sostegno: è l'istituto introdotto dalla leggen.6/2004 con l'obiettivo di garantire protezione alle persone che non sono  in grado di agire

autonomamente nel loro interesse.  L'amministrazione di sostegno è l'incarico che il giudice tutelare affida ad una persona con il compito di affiancare o

rappresentare un soggetto fragile nelle scelte di vita e negli atti a rilevanza giuridica con la minor limitazione delle capacità di agire.

I compiti dell' ADS possono riguardare: il luogo in cui la persona può vivere ( domicilio, struttura ), la scelta  delle cure, l'utilizzo del denaro per il soddisfacimento 

dei bisogni e i rapporti con la pubblica amministrazione.

Il ricorso per la nomina di amministratore di sostegno può presentarlo: lo stesso interessato, il coniuge o la persona stabilmente convivente, i parenti entro il  4°

grado, gli affini entro il 2° grado, il Pubblico Ministero e i responsabili dei servizi sociali o sanitari che hanno in carico la persona.

Per attivare l'amministrazione di sostegno è necessario depositare un ricorso presso la cancelleria della sezione Volontaria Giurisdizione  del Tribunale Ordinario

competente per territorio. Non è necessaria l' assistenza legale.


Legge 219/2017: "norme in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento DAT"

Attraverso le disposizioni anticipate di trattamento, ogni persona maggiorenne e capace di intendere e volere, nell'eventualità di una futura  incapacità di

autodeterminarsi, può esprimere le proprie convinzioni  e preferenze in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto a scelte diagnostiche

o terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, compreso le pratiche di nutrizione e idratazione artificiale. Il dichiarante può anche nominare una persona di fiducia

 "fiduciario"  che lo rappresenti nel rapporto con i medici nel determinare le sue volontà.  

Le DAT possono essere espresse attraverso una scrittura privata o videoregistrazioni o dispositivi che consentano alla persona disabile di comunicare e vanno

depositate presso l'ufficio dello stato civile del comune di residenza. Possono anche essere modificate o revocate in qualsiasi momento . 


​BROCHURE